Aleandro Baldi: una canzone per Impruneta e per la Festa dell’Uva [VIDEO]

Presentato il ricco programma di eventi che accompagneranno il Settembre ad Impruneta e che culmineranno con la sfilata/spettacolo dei carri Domenica 2 Ottobre. Il cantautore toscano Aleandro Baldi dedica ad i rioni ed alla città il suo brano originale “Festa dell’Uva” un inno all’amicizia ed allo stare insieme.

69

“È nella Festa dell’Uva che ritrovi tanta gente, tracce e momenti di storia, allontanate dai tempi ma che non vanno perdute quando vira forte il vento…”.

Sono queste alcune delle parole tratte dal ritornello del brano originale “La Festa dell’Uva” che il cantautore toscano Aleandro Baldi dedica ad in rioni dell’Impruneta ed alla città. La canzone, eseguita in versione unplugged, è stata presentata ieri nel corso della conferenza stampa di presentazione del programma degli eventi legati alla 96° Festa dell’Uva di Impruneta che si terra Domenica 2 Ottobre in Piazza Buondelmonti.

“Ho voluto evidenziare il contatto puro e genuino che si vive durante la festa, è il mio invito a cantare, all’amicizia ed a vivere un’emozione unica nel suo genere, è un brano dallo stile popolare ed invitante, ma anche con un sottile velo nostalgico.” – dichiara Aleandro Baldi.

Il brano “La Festa dell’Uva”, sarà eseguito live dal cantautore Domenica 2 Ottobre, prima dell’inizio della festa in Piazza Buondelmonti.

Alla presentazione, che si è svolta presso la Fornace Poggi Ugo ad Impruneta, sono intervenuti Riccardo Lazzerini, presidente Ente Festa dell’Uva, Alessio Calamandrei

sindaco di Impruneta ed i presidenti dei 4 rioni: Laura Bagni per il Rione Sante Marie, Fabio Popolizio per il Rione Pallò, Nicola Nidiaci per il Rione delle Fornaci e Giovanni Poggini per il Rione Sant’Antonio.

“Riprendiamo le sane abitudini, lasciate forzatamente due anni fa, la Festa dell’Uva si appresta a riprendersi la splendida Piazza Buondelmonti, con la consueta sfilata/spettacolo dei quattro Rioni che si contendono il Trofeo in terracotta.” –  dichiara Riccardo Lazzerini – “Sono stati due anni difficili, nei quali abbiamo cercato di marcare la nostra presenza con non poche difficoltà, in questo tempo è nato un Museo permanente dedicato alla nostra Festa ma purtroppo abbiamo, anche, perso carissimi amici. Sarà soprattutto nel loro ricordo che ci impegneremo per realizzare una Festa dell’Uva all’altezza del proprio blasone!”

“Dopo due anni di fermo dovuto alla pandemia, siamo carichi e pronti per una 96esima Festa dell’Uva all’insegna in primis del divertimento, sapendo che le maestrie, le passioni, l’ingegno ed un pizzico di follia, non manche ranno sicuramente.” – dichiara Alessio Calamandrei – “Sarà una festa, che si concluderà Domenica 2 Ottobre con la Sfilata-Spettacolo dei 4 rioni. Ma sarà un mese intero da passare insieme, sui rioni ogni sera ed in piazza i fine settimana. Un ritorno a quella normalità che mai come oggi viene apprezzata, e sarà sicuramente l’occasione per tirare fuori tutte le meglio energie per la riuscita di una festa che ormai si avvia ai suoi 100 anni.

 

Ringrazio l’ente e Riccardo per il lavoro fin qui svolto, ma concludendo vorrei ricordare Luca Gasparri, presidente del Pallò che ci ha lasciato il 18 di maggio”.

Nel corso della conferenza, è stato presentato anche il ricco programma di eventi che accompagneranno il Settembre imprunetino (in allegato programma completo) tra cui si ricordano le date principali:

  • Domenica 11 Settembre ore 11.00, presentazione della 37° Etichetta D’autore a cura dell’artista Roberto Panichi, ed inaugurazione della sua personale presso il Museo Festa dell’Uva.
  • Domenica 18 Settembre ore 11.00, inaugurazione del Parco Museale del Museo Festa dell’Uva, seguirà presentazione della collettiva a cura dell’associazione Art Art.
  • Domenica 2 Ottobre ore 15.00, 96° Festa dell’Uva di Impruneta in Piazza Buondelmonti, sfilata/spettacolo dei quattro Rioni: Le Fornaci, Pallò, Sante Marie, Sant’Antonio.

Il trofeo in palio per la 96° edizione della festa è stato disegnato da Antonella Andrei della fornace Ugo Poggi, una elegante opera d’arte in cui è rappresentata una coppa composta da tante piccole foglie e sorretta da tre gambi in plexiglass disposti a cono, ad i quali è appoggiato un grappolo d’uva in terracotta.

Nel corso della conferenza è stata presentato anche bozzetto del costume della nuova mascotte della Festa dell’Uva “Uvetto”, personaggio nato dalla fantasia di Carolina Masi, che con il suo disegno è stata la vincitrice del concorso “Dai un volto a Uvetto”.

LA STORIA

Nata nel 1926 come esibizione agricola dei prodotti delle fattorie del paese, all’inizio degli anni ’30 i quattro rioni storici del paese si affiancarono nella competizione alle fattorie, le quali lasciarono definitivamente spazio alle contrade alla ripresa della manifestazione nel 1950, dopo la pausa bellica iniziata nel 1938. La Festa dell’Uva di Impruneta è la più antica festa dell’Uva d’Italia e rappresenta uno spettacolo in grado di richiamare ogni anno migliaia di persone in piazza Buondelmonti, nel cuore del paese. Dal 2003 i rioni si sono riuniti nell’Ente Festa dell’Uva, che gestisce la Festa e ne coordina l’organizzazione.

L’intero spettacolo di Domenica 2 Ottobre sarà trasmesso in diretta TV dall’emittente regionale Firenze Tv, raggiungibile sul Canale 80 del digitale terrestre.

foto di copertina: Norma Judith Pagiotti

close

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy

Rispondi