venerdì, Settembre 30, 2022
Home APPIGLI

APPIGLI

rubrica di Gianni Spulcioni

Dopo anni di tassi a zero, c’è stato l’aumento più alto dall’introduzione dell’euro. Per ridurre l’inflazione, brutta bestia, si cerca di raffreddare l’economia incrementando i tassi e rendendo più costoso il denaro.
Il rapporto annuale 2022 dell'Istat porta con sé molte riflessioni sulla situazione italiana in diversi ambiti. Sia in campo sociale sia in quello economico ci sono profonde modifiche che stanno avvenendo, che rendono sempre più complicato il quadro generale.
C’è una incrinatura che sembra allargarsi tra ciò che le aziende possono o vogliono offrire e ciò che le persone desiderano. La questione è calda, tra addetti ai lavori ma non solo. La pandemia, creando scompigli, ha trasformato il mondo del lavoro, facendo emergere priorità diverse e nuove. I lavoratori lamentano trattamenti economici bassi (retribuzioni e benefits), tipologia di contratti offerti che non garantisce stabilità per i propri progetti di vita.
Aggirando le sanzioni decise in accordo con l’Europa , secondo alcuni approfondimenti in corso da parte delle nostre istituzioni, ci sarebbero imprese italiane che per vie traverse, ovvero facendo affari con Kazakistan e altri paesi simili, abbiano ancora rapporti con la Russia.
Mentre il mondo occidentale grida la propria indignazione, l’Europa risponde alla Russia attivando pesanti sanzioni; ma quali saranno le conseguenze reali per l’economia dell’Europa e dell’Italia?
Complessità e tendenze del mercato del lavoro
La conoscenza sul futuro della situazione economica del Paese, ora in una fase di ripresa consistente, è indispensabile
Il lavoro non è una variabile indipendente ma il suo sviluppo è fortemente collegato a ciò che succede nell'economia globalizzata
Ogni paese, compreso il nostro, risente di fatti e tendenze economiche globali che alla fine riguardano davvero la vita di tutti noi.
La sicurezza sul lavoro è strettamente funzionale al benessere delle persone e dunque è un fattore di gestione che deve essere integrato con tutti gli altri.

PRIMOPIANO

BuyFood Toscana: 50 buyers da 22 paesi a Firenze

La vetrina internazionale, BuyFood Toscana, delle produzioni DOP e IGP, Bio e Agriqualità, Prodotto di Montagna e PAT raccoglie quest’anno 20 IG e coinvolge 73 aziende provenienti da tutta la regione: l’11 e il 12 ottobre l’evento BtoB al Palazzo degli Affari. Venerdì 21 all’auditorium di S. Apollonia la tavola rotonda “L’agroalimentare toscano: sfide della qualità tra riforme europee, sostegni nazionali e comunicazione”.

WEB TV

Palio di Bagno a Ripoli (Fi), vince la contrada La Torre...

Successo per il ritorno in presenza della manifestazione storica giunta alla 43esima edizione. Ieri pomeriggio le gare degli atleti, in serata la Giostra della Stella e il corteo rinascimentale