Il Salomone di Salvestrini donato agli Uffizi [VIDEO]

L’opera, ‘Salomone incensa gli idoli’, raffigura l’episodio biblico in cui si narra come l’anziano sovrano, sotto l’influenza delle numerose mogli e concubine, si trovò a idolatrare gli dei di ciascuna di loro

162

La Galleria degli Uffizi si arricchisce di un nuovo dipinto, Salomone incensa gli idoli (1626), realizzato dal pittore fiorentino del XVII secolo Bartolomeo Salvestrini. La donazione, ad opera di Fabrizio e Francesco Guidi Bruscoli, è dedicata al ricordo di Daniela Salvadori Guidi Bruscoli in occasione degli ottanta anni dalla sua nascita.

La tela rappresenta un Salomone ormai anziano, circondato dalle numerose mogli e concubine e intento nell’adorazione delle divinità di ciascuna di esse; un atto di idolatria che causò la divisione del suo regno in due parti come punizione divina.

“Un dipinto sublime” – dichiara il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt – “un atto di generosità che unisce l’amore per la moglie e madre a quello per Firenze e per il museo dove si raccolgono i tesori dei Medici.L’opera va ad aggiungersi ai pezzi del Salvestrini già posseduti dalla Galleria, l’Allegoria della Pittura, il David con la testa di Golia e alcuni disegni. Vista la difficoltà di trovare dipinti dell’artista, che morì a soli 34 anni, nelle collezioni pubbliche, l’acquisizione assume un’importanza ancora maggiore.

Rispondi