Dal 14 ottobre 2022 al 5 febbraio 2023 Ferrara ospita  Sotto lo stesso cielo, mostra a cura del direttore Amedeo Spagnoletto e Sharon Reichel. Il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS approfondisce la festa ebraica delle capanne e le sue molteplici sfaccettature.

 

Sukkot è una delle principali ricorrenze del calendario ebraico: fa riferimento all’episodio biblico in cui gli ebrei rimasero nel deserto dopo l’uscita dall’Egitto, celebra la permanenza e sopravvivenza nel deserto grazie alla provvidenza del Cielo e la precarietà della vita, rappresentata dalle Sukkot, le capanne che costruirono – ma anche il forte legame con i ritmi della terra, la sostenibilità ambientale e la centralità dell’acqua.

 

L’esposizione è dedicata agli aspetti religiosi, tradizionali e alla stretta connessione tra Natura ed espressioni artisti­che che questa ricorrenza genera, con un percorso originale che invita i visitatori a partecipare attivamente, interagendo con ciò che vedono e ascoltano, contribuendo così all’arricchimento di significati della mostra.

 

Ancora oggi, le famiglie ebraiche costruiscono nei giardini delle sinagoghe o nelle terrazze delle loro case le capanne con tetti coperti da frasche dentro le quali trascorrono tutti e sette i giorni di festa, condividendo i pasti con numerosi ospiti. La ritualità è contrassegnata dal lulav, composto da un ramo di palma, tre rami di mirto, due rami di salice e un cedro, utilizzato durante le preghiere con affascinanti significati simbolici.

 

Ad introdurre la mostra, le parole del Presidente del MEIS Dario Disegni – “Il Direttore Amedeo Spagnoletto, la Curatrice Sharon Reichel e l’Architetto Giulia Gallerani hanno lavorato insieme per creare un progetto unico che celebra e rispetta, anche attraverso l’allestimento stesso, la centralità dell’ambiente e dei ritmi della terra per l’ebraismo. Si può poi ammirare l’eccezionalità delle dieci tavole dipinte che decoravano una sukkah della fine del XVIII o XIX secolo, provenienti dall’Abbazia di Praglia, ai responsabili della quale rivolgo i miei sinceri sentimenti di gratitudine per la fiducia che ci hanno accordato e l’amichevole collaborazione prestata. La speranza è quella di promuovere attraverso questa esposizione, anche grazie ai numerosi appuntamenti didattici riservati alle scuole che la accompagnano, un momento di profonda condivisione fra le culture e conoscenza reciproca”.

 

I curatori Amedeo Spagnoletto e Sharon Reichel spiegano – “Perché una mostra su Sukkot? La festa è stata scelta per l’attualità dei suoi valori; idee come precarietà, rispetto della natura e delle persone sono al centro del discorso contemporaneo. Affrontare contenuti religiosi non è un compito facile, ma un museo che concentra la sua indagine sull’ebraismo non può esimersi dal farlo. Desideriamo comunicare questi temi con un linguaggio espositivo che mostri la loro rilevanza a tutti i tipi di pubblico. Il forte accento sul coinvolgimento dei visi­tatori è concepito come un mezzo per rompere la barriera dell’alterità, per aiutare a trasmet­tere la peculiarità dell’ebraismo a un pubblico più ampio, trovandosi tutti Sotto lo stesso cielo”.

 

L’allestimento, a cura dell’architetto Giulia Gallerani, rispecchia i valori della festa: realizzato per la maggior parte con il cartone a tripla onda, è a basso impatto ambientale e riciclabile, e ha rappresentato una vera e propria sfida. Si è voluto declinare infatti il complesso insieme di temi di Sukkot per proporre un percorso espositivo inusuale e articolato, che chiama a intervenire, a partecipare, a mettersi in gioco, e connettere la simbologia religiosa a riferimenti che nella contemporaneità stanno acquistando sempre maggiore importanza.

 

Il percorso si collega alla Natura sin dall’inizio, attraverso le quattro specie di piante che compongono il lulav, approfondendo i loro significati e le loro provenienze. Si racconta, per esempio, la particolare storia degli etroghim (i cedri) della Riviera dei Cedri, in Calabria, dove si coltiva la varietà più pregiata di questo agrume – il cedro liscio, detto anche diamante per la sua bellezza e lucentezza – che storicamente sembra sia stato diffuso in zona proprio dagli ebrei.

 

Si ricorda anche che, oltre alla mostra, dal 14 ottobre il museo arricchisce il suo percorso permanente Ebrei, una storia italiana con un nuovo tassello che racconta la vita nei ghetti in cui vennero confinate le comunità ebraiche dal 1516.

Sarà inoltre possibile vedere un approfondimento su uno dei più drammatici episodi di antigiudaismo che precede l’epoca dei ghetti: il caso di Simonino da Trento, raccontato nel rilievo ligneo attribuito a Daniel Mauch il Compianto sul corpo di Simonino da Trento (1500-1510), proveniente dalla Fondazione CARITRO – Cassa di risparmio di Trento e Rovereto e concessa in comodato d’uso al MEIS.

La mostra ha il patrocinio del Ministero della Cultura, Regione Emilia-Romagna, Comune di Ferrara, Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Comunità Ebraica di Ferrara, Abbazia di Praglia, Comune di Santa Maria del Cedro, Consorzio Europeo Cedro Mediterraneo Terre di Calabria. Ente sostenitore: Intesa Sanpaolo. È inoltre stata realizzata grazie al sostegno di Fondazione Guglielmo De Lévy, Coop Alleanza 3.0, Tper, Avis e Coferasta.

close

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy

Rispondi