Home EMOZIONI DIGITALI Boboli, il nostro museo a cielo aperto

Boboli, il nostro museo a cielo aperto

Noi fiorentini a volte tendiamo ad ignorare quei luoghi che consideriamo dominio dei turisti, come lo splendido giardino di Boboli che si estende alle spalle di Palazzo Pitti

695

Quanto tempo era che non andavo a Boboli? Troppo. Di sicuro qualche anno. Male, malissimo. Perché i giardini sono splendidi e noi fiorentini a volte tendiamo ad ignorare quei luoghi che consideriamo dominio dei turisti. Beh, i turisti per adesso non ci sono, ed è quindi il momento perfetto per tornare a visitare i nostri bellissimi luoghi d’arte, come Boboli, che è un vero e proprio museo a cielo aperto.

Nonostante il cielo nuvoloso di questa strana primavera, e la paura di prenderci un acquazzone, io e Annalee abbiamo girellato nel parco, chiacchierando e ridendo sotto le nostre mascherine, scattando foto a raffica e godendo dei panorami meravigliosi sulle colline e sulla città.

L’Oscar della giornata però lo assegno al Pan di Ramerino, dolce e un po’ appiccicoso come dev’essere, farcito con Mortadella, una fetta di Galaverna (formaggio a crosta fiorita di Palagiaccio) e aceto balsamico. Una delizia assoluta, un vero e proprio patrimonio dell’umanità. Se non lo conoscete e amate il contrasto dolce/salato, vi consiglio assolutamente di andare al S.Forno (Via Santa Monaca, 3r) e farvene fare uno.