Nel bellissimo scenario del Riva Lofts Florence è stato presentato pochi giorni fa il Green Vibes. Gelato innovativo creato dalle sapienti mani della maestra gelatiera Cinzia Otri che gestisce insieme al marito la Gelateria della Passera proprio nell’omonima piazza di Firenze oltr’Arno. Questo gusto dai freschi sapori è realizzato con materiale di scarto come bucce di mela e pera, scorze di arance e limoni, foglie di alloro e ginger e si è appena aggiudicato i prestigiosi “Tre Coni” della guida del Gambero Rosso. Questo sorbetto ha una cremosità tutta da scoprire. Menzionato anche nell’editoriale firmato dalla direttrice della prestigiosa guida, Laura Mantovano.

Cinzia Otri ci racconta – “Un sorbetto nutraceutico e sostenibile che nasce dall’esigenza di recuperare ‘scarti’ alimentari che di solito finiscono nella spazzatura ma che in realtà sono molto utili al nostro organismo perché ricchi di oli essenziali, fibre e vitamine. Pensiamo alle bucce di mela e pera, fonte di vitamine, ma anche alle foglie di alloro che hanno proprietà antiossidanti e antitumorali, fino al ginger con le sue doti antinfiammatorie e digestive. Per non parlare delle capacità disintossicanti delle scorze di arance e limoni. La ricetta – aggiunge Cinzia Otri – in realtà non è particolarmente complicata: partiamo da un decotto di scorze di arance, limoni , ginger e foglie di alloro, che filtriamo e nel quale andiamo a inserire una purea formata dalle bucce di mele e pere cotte. Il sorbetto viene dolcificato con miele di melata di abete”.

Cinzia ha iniziato, come lei ci racconta, la sua avventura con il gelato già dopo tante altre esperienze. A 50 anni infatti ha colto un’occasione e seguendo un corso specifico ha trovato la sua grande passione in questa che è una vera e propria arte, dove l’artista gelataio può sperimentare nei modi più disparati. Il suo Green Vibes è diventato senz’altro l’emblema di un modo innovativo di intendere la gelateria artigianale, con grande attenzione alle tematiche ambientali ma che comunque non penalizza il gusto. All’assaggio, la prima cosa che arriva è la freschezza di mela e pera con una leggera nota amara, accompagnata da un sentore di alloro che arriva poco dopo insieme alle note citriche delle scorze, infine la speziatura del ginger è ciò che rimane in modo piacevole e non invasivo nel palato. Tutto perfettamente equilibrato nella sua varietà di gusti.

“Sono davvero orgogliosa che la guida del Gambero Rosso abbia citato il mio gelato come esempio di una produzione sostenibile, e questo riconoscimento mi spinge a continuare sulla strada della sperimentazione in chiave no waste. Il prossimo passo? Qualcosa con il latte e le croste del formaggio”. Conclude Cinzia Otri.

close

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy

Rispondi